Su e giu per Nosate 2018

Domenica 6 maggio 2018 – 16° edizione per la Su e giò par Nusà

C’è sempre un certo fascino a gareggiare sulle strade dove ogni tanto capita di allenarsi. La chiesetta di Santa Maria in Binda di Nosate (MI) è un luogo tranquillo, punto di ritrovo più che altro per ciclisti che nei loro giri scendono sui canali per fermarsi a bere un caffè al baretto. E ogni tanto anche io capito lì per fare la mia corsetta quotidiana.

Domenica l’andatura però era decisamente diversa. Il passaggio al 1° (dei 10 e qualcosa km in programma) infatti era ben sotto i 3’20” al km. L’amico Marco Garavaglia aveva deciso di schiacciare fin da subito il piede sull’acceleratore. Io mi porto nella sua scia assieme a Luca Raineri che non incontravo in gara da un bel po’ di tempo. E parte la sfida. Poco più dietro Michele Merlo e gli altri ragazzi della 6 km

Il secondo e terzo km son sempre tirati zizzagando tra le pozzanghere sulla sponda sterrata del Naviglio Vecchio. Verso il 4° km curva a destra per poi attraversare un ponticello in metallo e tornare sull’asfalto dei canali direzione Nosate. Raineri e Garavaglia si alternano al comando e io sinceramente faccio una bella fatica per non staccarmi. Nella ripida salita ciottolosa del 5° km, che porta verso la parte alta del paese, perdo però un po’ di terreno recuperandolo appena dopo tra i “su e giò” dei boschi nosatesi.

Sentierini, tratti asfaltati, boschi, salitelle, discese. Marco cede un attimo e allora mi metto davanti a tirare. Luca resiste. La discesa ciottolosa si avvicina. Giù in picchiata staccando di qualche metro Luca, curva a sinistra e siamo di nuovo sui canali per un ultimo km in cui spingo a fondo fino all’arrivo.

Stranamente dal solito non ci sono stati avvistamenti di elfi, nani, balene o vecchi strambi. Tutto nella norma… a parte un barcone che pigro scivolava sulle acque del Naviglio Grande carico di blocchi di marmo bianco. Sulla fiancata spiccava la scritta Ad Usum Fabricae. Passando di corsa sentii gridare un doganiere verso il barcone. “Da dove venite?”. “Da Candoglia” sentii rispondere. “Il Galeazzo Visconti lo vuole in marmo il suo Duomo. Niente più mattoni”

CLASSIFICA 10,2 km:

UOMINI: 1° Matteo Raimondi, 2° Luca Raineri, 3° Marco Garavaglia, 4° Michele Merlo

DONNE: 1° Serena Mattavelli, 2° Francesca Bianchini, 3° Daniela Carnieletto

CLASSIFICA 6 km: 1° Antonio Tartaglione

Questo post è stato letto 1833 volte!

    Precedente 11° Trofeo Bradipozoppo 2018 Successivo Dove correre 11-13 maggio 2018

    2 commenti su “Su e giu per Nosate 2018

    1. Gianni Colombo il said:

      E al secondo km ti ho incrociato. Grande Matteo, hai pure la forza di salutarmi, anche se stai andando a tutta!

    Lascia un commento