Crea sito
 

Staffetta AronaMen 2012 – 1° posto

Manuele Parenti nel nuoto (1,9 km) scava le fondamenta per l’impresa uscendo tra le prime staffette. Riccardo Toia in bici (90 km) fa il fenomeno costruendo gran parte dell’impresa ed infliggendo distacchi a tutti riconquistando saldamente la prima posizione. A me in corsa (21 km) non resta che rifinire gli ultimi dettagli aumentando il vantaggio sulla 2° staffetta che arriverà con un distacco di 7′ e sulla 3° staccata di 18′. Grandissimi Manuele e Riccardo!!!

Arona (NO) – 29 luglio 2012. Alle 7 del mattino parte con la gara individuale l’ARONAMEN 112,9 km, un Triathlon Internazionale che ha richiamato anche tanti stranieri con ben 12 nazioni rappresentate. Tra di loro a gettarsi nel lago maggiore c’è il mio collega di lavoro Mauro Colombo e gli amici Antonello Toniolo, Stefano Luciani, Mirko Morandi e Adriano Carù.

Alle 7.10 è l’ora delle staffette con Manuele Parenti da subito competitivo. Oltre al mio compagno di squadra si gettano in acqua per la loro prova anche la collega di lavoro Francesca Parenti e l’amico Stefano Trivellone pronti a dare il meglio per la loro staffetta.

Dopo 33′ di gara e 1,9 km di nuoto Manuele da il cambio a Riccardo Toia in 6° posizione tra le staffette con un ritardo di circa 3′ dalla testa. Grande! Riccardo parte subito forte recuperando posizioni già nei primi km in pianura e attaccando in salita conquistandosi così la prima posizione tra le staffette quando manca ancora metà della sua prova. Recupera anche gran parte degli atleti individuali partiti ben 10′ minuti prima. Un vero fenomeno conosciuto e ammirato da tutti gli specialisti del mondo a due ruote. Nelle altre staffette amiche Stefano Trivellone da il cambio al mio collega di lavoro Luca Borsani mentre Francesca Parenti cede il testimone all’altro mio collega Mirko Galbusera. Ed è anche l’ora di altri due amici impegnati in altre staffette: il compagno alla Palzola Marco Tiozzo ed il collega di lavoro Marco Passerini.

Riccardo si presenta al cambio ridendo nonostante abbia appena affrontato 90 km ed inflitto distacchi a tutti facendo registrare il miglior crono assoluto della giornata in 2h08′. E’ in 1° posizione tra le staffette con un vantaggio di circa 3-4′ sulla seconda staffetta ed è riuscito a risalire addirittura alla 8°-9° posizione assoluta nonostante noi staffettisti siamo partiti 10′ dopo gli individuali.

Perdiamo una ventina di secondi per scambiarci il chip e parto. E’ il mio turno. Mi aspettano 4 giri del percorso per un totale di 21 km. E fa già troppo caldo (oltre i 30°) ma son tranquillissimo perchè Manuele e Riccardo han fatto quasi tutto loro lasciandomi solo da gestire il vantaggio! Tengo un ritmo intorno ai 3’30” al km seguendo la bicicletta dell’apripista data dall’organizzazione alla prima staffetta. Il percorso è costituito da un andata-ritorno sul lungolago piemontese abbastanza tortuoso per i numerosi ostacoli e per i passanti comunque sempre attenti a non intralciare ma piuttosto sempre pronti a tifarci. Numerosi sono anche gli amici venuti a sostenerci lungo il percorso.

Nell’andata ritorno del primo giro controllo la posizione del secondo staffettista (Andrea Vizzardelli) per poi ad ogni tornata, quando ci si incrocia, verificare il distacco. Nel primo giro recupero anche vari atleti individuali partiti alla mattina con 10′ di vantaggio sorpassando tra gli altri il forte triathleta Bruno Pasqualini e portandomi in 4° posizione assoluta alle spalle dell’argentino Luciano Taccone e degli italiani Danilo Brustolon (Polizia) ed Andrea D’Aquino (Carabinieri) quest’ultimo olimpionico a Pechino 2008 e pluricampione italiano di Triathlon Sprint ed Triathlon Olimpico. Ed è proprio su di lui che guida la gara individuale che mi baso. Nei primi 3 giri ad ogni andata ed ad ogni ritorno ci incrociamo sempre nello stesso punto. Vuol dire che viaggiamo allo stesso ritmo. L’argentino invece sembra avere un passo più forte di tutti.

Ma il caldo è tanto e opprime sempre più e penso agli amici impegnati anche loro nella corsa che finiranno dopo di me e che si dovranno sorbire questo solleone da mal di testa: sto parlando dei colleghi di lavoro Isacco Iraga e Francesco Belloni e degli altri amici Stefano Velatta e Fabio Polloni. Sia per il caldo, sia perchè non amo e non son portato a correre la mezza maratona, sia perchè bevo poco e sia perchè abbiamo un buon vantaggio sulla seconda staffetta alla fine decido di rallentare compiendo l’ultimo giro a rilento poco sopra i 4′ al km concludendo comunque i miei 21 km in 1h17′ e portando la nostra staffetta, la Caterpillar, alla vittoria con un tempo totale di 3h59′ finendo quindi sotto le 4h!!

Ma ecco la CLASSIFICA A SQUADRE (CLASSIFICA):

UOMINI: 1° CATERPILLAR (Parenti, Toia, Raimondi) 3h59′, 2° CIVI Grupp (Sacco, Piemontesi, Vizzardelli) 4h07′, 3° ASD ZENA TRI TEAM (Reggiani, Portalupi, De Marco) 4h17′. Poi 4° IRON BROTHER (con Polloni), 8° TEAM PUMA (con Velatta), 13° TEAM VIGO (con Tiozzo), 23° SIMCHINTRI (con Passerini), 26° I TRI MALNAT (Trivellone, Borsani, Iraga)

MISTA: 1° RESILIENCE 4h21′. Poi 19° LA BELLA E LE BESTIE (Parenti, Galbusera, Belloni)

DONNE: 1° LE ORSETTE 4h55′

Ma ecco la CLASSIFICA INDIVIDUALE (CLASSIFICA):

UOMINI: 1° Andrea D’Aquino (Carabinieri) 3h55′, 2° Danilo Brustolon (Polizia) 3h57′, 3° Luciano Taccone (Argentina) 4h00′. Poi 12° Mirko Morandi (Pro Patria Arc Busto) 4h23′, 16° Stefano Luciani (International) 4h25′, 169° Adriano Carù (Pro Patria Arc Busto) 5’25”, 266° Mauro Colombo (Cuneo Triathlon) 6h16′

DONNE: 1° Ellie Franks (Australia – Tribal) 4h42

Ecco alcune FOTO delle amiche ELENA CORBELLA e SARA TELLONI (grazie!) e altre ancora scattate un po’ da me e dal mio babbo QUA. Altre ancora su LA STAMPA e su ARONA NEL WEB. Infine ecco il VIDEO di Stile Corsa con la chiusura sul nostro arrivo

Foto di Elena Corbella e del mio babbo. Dall’alto: appena dopo l’arrivo con Parenti, io e Toia; gruppo Decathlon; premiazioni; Mauro Colombo che ha corso tutto il triathlon

Questo post è stato letto 1464 volte!

    10 Responses

    1. Francesca Crocetti Says:

      Che dire, BRAVI DAVVERO …
      BRAVO TEO, MA LO SAI GIA’ 😉

    2. Alberto Says:

      Siete stati spettacolari,. Il mondo del triathlon ti accoglierebbe volentieri sia per la tua forza (saresti uno strepitoso triathleta) sia per il tuo potere mediatico
      Alberteo

    3. Anna80 Says:

      MA che bravi siete stati!!!!!

    4. Andrea Says:

      Teo un fenomeno vero!

    5. Manuele Parenti Says:

      Ciao Matteo,
      i veri campioni fanno la differenza, io ho solo riempito una lacuna. Complimenti ai veri campioni Matteo e Ricky!!! In compenso per aver dato così poco… ho riceuto tantissimo da atleti ma soprattutto persone ricche di ogni qualità come Voi! Ergo…per me la giornata è stata molto fruttifera! Grazie ancora per la splendida esperienza. Manuele

    6. Francesco Says:

      Lo ribadisco ancora: sticazzi!! Decathlon ha due super campioni!!! E dire che non ti piace correre la mezza… FENOMENI

    7. le Says:

      bravissimi!!!! c’ero anch’io, podista prestata per l’occasione al ciclismo, è stata una bellissima esperienza e poi il nostro giro era un vero spettacolo con la bella giornata di ieri. Complimenti alla mia compagna di squadra che la mezza se l’è fatta sotto il solleone 🙂 e bravi tutti!

    8. Silvia Colombo Says:

      Grandissssssimi bravi bravi bravi

    9. matteoraimondi Says:

      Grazie a tutti!

      Grazie a te Manuele per aver voluto gareggiato con noi. Sei stato fantastico!!

      Complimenti anche a te Le e alla tua staffetta. E’ sì, ieri faceva veramente caldo!

      E complimenti a tutti i miei colleghi di lavoro del Decathlon che si sono buttati nella sfida senza paura, si sono impegnati, hanno sofferto la fatica, il caldo, hanno sudato e alla fine li ho visti sorridere al traguardo!! Grandissimi!!

    10. Edoardo Says:

      Io so già quanto vai forte Matteo (tenere il ritmo dei più forti professionisti del triathlon in circolazione è da grandi e fare 1h17′ su un percorso del genere con quel caldo ed in più rallentando l’ultimo giro regalando almeno 2’…) ma anche il tuo collega Toia non è da meno. Il Decathlon si è accaparrato due campioni!

    Leave a Comment

    Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.