23° StraRovate 2018

Venerdì 29 giugno 2018 – Rovate (VA) – La StraRovate, tra le altre cose, è conosciuta per le sue “gobbe“, per il suo toboga da motocross. Ci si arriva dopo una partenza a cannone e ci si tuffa dentro come lanciati da fionde.

Io le partenze a cannone ormai le soffro abbastanza. Dopo il primo km infatti mi trovavo un po’ attardato intorno alla 10-12° posizione con il gruppo dei primi già avanti un bel pezzo. Eppure il gps mi segna 3’12” al km…

Lo sterrato sconnesso però ha dato nuova lena alle mie gambe. Spingendo ben bene riesco a raggiungere e superare Ferdy 1 (Mignani), Ferdy 2 (Coltro), Salah Argoub, Alessandro Bonu e anche Marco Alberio. Davanti invece Proserpio, ma sopratutto il duo Belluschi – Pedotti, hanno già preso il largo.

Nelle “gobbe” rosse sterrate Salah mi supera a doppia velocità (come già era successo 2 anni prima quando avevo vinto la gara) e nel tratto successivo prima di Milanello anche Alberio mi raggiunge e supera.

Ma nel bosco tortuoso che riporta verso Rovate cambio di nuovo marcia riprendendo Salah e tornando in scia di Proserpio e Alberio. Sembriamo biglie lanciate da un bimbo nella sua pista di sabbia, una pista incasinata ma sai lo spettacolo e la felicità di vederle sfrecciare sulle sponde bagnate. Poi curva a destra e volata in salita su asfalto per il 3° posto, ovviamente persa.

Sparata di 5,5 km che ci voleva proprio col nuovo record del percorso realizzato da Michele Belluschi che, dovendo andare via presto, ha donato in beneficenza il suo premio. Complimenti!

CLASSIFICA (5.5 km):

UOMINI: 1° Michele Belluschi 18’19”, 2° Daniele Pedotti, 3° Marco Alberio, 4° Paolo Proserpio, 5° Matteo Raimondi, 6° Salah Argoub, 7°Ferdinando Mignani, 8° Fernando Coltro, 9° Alessandro Bonu, 10° Ali Ahouate

DONNE: 1° Barbara Benatti, 2° Barbara Pavan, 3° Nadia Guffanti ed Elena Soffia, 5° Angiola Conte, 6° Cinzia Lischetti, 7° Chiara Naso, 8° Laura Marsiglio, 9° Laura Maffioli, 10° Rita Zambon

CLASSIFICA, Articolo e FOTO di Arturo Barbieri

Questo post è stato letto 1707 volte!

    Precedente Corri, perchè correre agita la felicità Successivo Dove correre 6-7-8 luglio 2018

    Lascia un commento