La 6° MONClassic in 4 atti

Prima spettatore e poi attore. Seduto in prima fila all’inizio e poi su, in piedi, sul palco. Così posso descrivere la bellissima corsa di ieri sera, 19 maggio 2011, a Montonate (VA) dove la tanto rinomata MONclassic giunge alla sua 6° edizione. Eppure per me è stata una prima assoluta.

Primo atto passato ad osservare la stupenda volata a quattro per il traguardo volante posto dopo 800m dal via. 4 attori protagonisti:  Andrea Marzio (Whirlpool), Simone Prina (Mezzanese), Mirko Zanovello (Circuito Running) ed un quarto atleta del posto. Da dietro è uno spettacolo vederli schizzare via su e giù per le stradine strette del paese. Curvavano talmente forte da mettere quasi giù il ginocchio. Ginocchio che l’amico Beppe Bollini ha realmento messo a terra (Vedere per credere). Ma da buon guerriero si è alzato, si è pulito le ferite ed è ripartito. Ed il primo atto si conclude con lo sprint sul traguardo volante vinta da Zanovello per una manciata di cm.

Ed ecco che son chiamato in scena per il secondo atto e la voce fuori campo proclama: guardie e ladri. Assieme a Luca Ponti (Gazzada Schianno) inizia la rincorsa a Mirko Zanovello che già dopo 1 km ci precede di 150m. Gli altri 3 fuggitivi abbandonano invece il palco dopo lo spettacolo del loro eroico atto. Ma non c’è tempo di fermarsi a complimentarsi perchè c’è un copione da seguire… o meglio c’è una salita da affrontare e Luca Ponti di queste se ne intende alla grande essendo un ottimo scalatore. Ma riesco ugualmente a stargli attaccato fino allo scollinamento. Poi discesa e successiva pianura lungo sentieri e prati. In due recuperiamo terreno su Zanovello che sembra un po’ imballato per lo sforzo del traguardo volante. Ci avviciniamo sempre di più.

Siamo al 3° km. Leggo il copione è scopro di dover fare un monologo. Allora tento un fuori giri per sbarazzarmi di Luca Ponti e mi lancio solitario al possibile riaggancio con la testa della corsa. Riesco quasi a ricucire lo strappo ma giunto a soli 15m da Zanovello ecco che lui si volta, mi guarda e rilancia l’andatura.

Nel terzo atto c’è un po’ di sconforto perchè rivedo il distacco aumentare e non mi trovo a correre bene. Anzi mi sento impacciato sul terreno sconnesso. Vorrei spingere di più ma non ce la faccio. E la cosa non mi piace. Rileggo il copione dove avrei dovuto già essere in testa… E va bene, per questa volta fanculo al copione! Continuo verso il traguardo posto alla sommità di una salitella tagliando il gonfiabile in 2° posizione a 24″ da Zanovello.

Mentre mi gusto l’arrivo di tutti gli altri amici mi accorgo ancora di stringere in mano il copione dell’opera appena vissuta. Giro la pagina e scopro che c’è ancora un quarto atto. E’ ancora una sfida con Mirko Zanovello e molti altri illustri attori. Il teatro si chiama Centro di Busto Arsizio. La data la notte del 27 maggio 2011. L’ora le 21.45. Il nome dell’opera: Grand Prix TMC. Praticamente una corsa ad invito di 8 km e 10 giri del centro che si svolgerà appena dopo la 2° tappa del Giro. (presentazione di Fabio Caldiroli).

Ma ecco la classifica:

UOMINI: 1° Mirko Zanovello (Circuito Running) 20’16”, 2° Matteo Raimondi (Atl. Palzola) 20’40”, 3° Luca Ponti (Gazzada Schianno) 20’48”, 4° Stefano Demuru (GS Montestella) 21’08”, 5° Giovanni Vanini (Runners Varese) 21’19”, 6° Mauro Toniolo (Atl. verbano) 21’23”, 7° Pasquale Razionale (Azzurra Garbagnate) 21’28”, 8° Massimo Lucchina (Atletica 3V) 21’43”, 9° Mattia Grammatico (Cus dei Laghi) 21’55”, 10° Walter Carnovali (Team 3 Esse) 22’04”

DONNE: 1° Elisa Masciocchi (Atl. Palzola) 24’43”, 2° Cecilia Mora (ASD Caddese) 25’31”, 3° Lorena Strozzi (Atl. Casorate) 25’43”, 4° Emanuela Fossa (Atl. Casorate) 26’25”.

Ecco la CLASSIFICA COMPLETA. Le foto le trovate sul sito del Runners Valbossa e di Antonio Capasso. Altri racconti della gara sono sui siti di Play Beppe e dell’Atletica Casorate.

 

Questo post è stato letto 3026 volte!

Precedente Grand Prix Maggiate- Il video di Stile Corsa Successivo venerdì 20 maggio 2011- Arona e Cittiglio

2 commenti su “La 6° MONClassic in 4 atti

  1. Purtroppo non solo il ginocchio ho messo a terra…
    Ahi, ahi, ahi, a ripensarci mi sembra ancora di sentire l’asfalto caldo che mi sgrattuttia tutta la pelle….
    Tu alla grande come sempre: adesso mi aspetto un tuo colpaccio al Giro 😉

  2. Giorgia il said:

    Bella prestazione campione! Ti aspettiamo al Giro e alla gara ad invito di Busto :))))))))))

Lascia un commento