Vaprio d’Agogna (NO) – La prima del Poker

raimondi-matteo-crossRicordo che da piccolo mi mettevo in punta di piedi sopra la sedia per poter scorgere anche solo uno spicchio di quelle cime che sbucavano lontane sopra i tetti delle case vicine. Le avrei abbattute tutte quelle case che mi ostruivano la vista delle montagne. Poi ho iniziato a spostarmi un po’ più in là per vederle meglio. Una giornata di vento andai fino all’ospedale di Busto Arsizio col solo scopo di salire di nascosto fino all’ultimo piano del palazzo più alto (all’epoca in ristrutturazione o non utilizzato) e starmene li ad ammirare dalle grandi finestre quelle sagome imbiancate ed illuminate dal sole.

Sabato a Vaprio d’Agogna (NO) non c’era stato bisogno di allungarsi o spostarsi per vederle. Spuntavano da sole, maestose e senza fatica dai prati di gara. Era la prima tappa del Poker del cross Novarese e dal momento che avevo un raro sabato libero dal lavoro non potevo mancare.

Alla partenza mi distraggo e rimango imbottigliato. Alla prima curva mi ritrovo in 30° posizione con un mix di giovani scattanti e veterani esperti a tarellare sul ritmo dei 3’10” al km. Per risalire posizioni mi devo buttare in ogni varco aperto e non è semplice dal momento che il primo km è un aggrovigliarsi di gomiti, chiodi e curve secche. Però tra una gomitata e l’altra riesco a riportarmi in 8-9° posizione appena dietro il trenino guidato da Frascoli che sta tentando una partenza a missile.

Poi il tracciato erboso si fa più corribile e qui perdo qualche posizione a favore di un plotone di giovani pimpanti. Il primo dei 3 giri lo completo ancora in spinta. Ma il secondo giro ho un crollo repentino. Faccio fatica a spingere bene, le gambe diventano pesanti e come spesso mi capita ultimamente in gara anche la testa inizia ad alzare bandiera bianca. Da dietro mi riprendono in molti. Verso la fine del secondo giro mi ritrovo in 17-18° posizione

Ma lungo un rettilineo scorgo le cime del Monte Rosa. Sono un po’ oscurate dai due amici che mi precedono. Per gustarmele meglio mi sposto di lato e aumento il ritmo superandoli. Ora si che che si vedono bene. E anche il ritmo sembra aver ripreso lena. Le caviglie son tornate a spingere e un altro atleta entra nel mirino. Riprendo anche lui mettendone un altro nel mirino. Poi un altro ancora e un altro e un altro.

Finisco in spinta, contento, risalendo nell’ultimo giro fino all’11° posizione

CLASSIFICA (6,8 km):

UOMINI: 1° Marco Gattoni, 2° Marco Giudici, 3° Edmil Albertone, 4° Ennio Frassetti, 5° Giuliano Bossone. Poi 7° Alberto Gramegna, 9° Mattia Scrimaglia, 11° Matteo Raimondi, 12° Stefano Frascoli

DONNE: 1° Erika Caccamo, 2° Chiara Schiavon, 3° Barbara Benatti, 4° Lorella Atzeni, 5° Paola Varano

CLASSIFICA COMPLETA. FOTO di Dario Antonini e Carlo Bolla. Altro ancora lo trovate sul sito Oleggio2000

Questo post è stato letto 2514 volte!

    Precedente Le nostre avventure quotidiane Successivo Maratonina di Busto 2016 - Video

    Lascia un commento