Crea sito
 

Il treno Palzola al Piede d’Oro di Besozzo

Piede d'Oro BesozzoIl treno Palzola era partito in orario sabato sera dalla stazione di Besozzo (VA). Davanti Locomotiva Vasi sbuffava fumo bianco non perdendo neppure un colpo nel suo sferragliare. Nessun passeggero, nessun capostazione, nessun bigliettaio riusciva a saltarci sopra e perfino i laboriosi nani dell’Insubria erano costretti ad un lavoro immane per posargli in tempo sotto le ruote i binari lucenti che con il passare dei km avrebbero costituito la nuova ferrovia di Besozzo, la Palzola Express.

Ops…” sussurrò Cigolo con l’oliatore in mano e lo sguardo fisso su Vagone Tiozzo che lungo la prima salita si era improvvisamente staccato da Locomotiva Vasi. “Per le natiche di Biancaneve“, imprecò Strangolo saltando giù dal treno e rincorrendo il suo vagone. “Prendilo Prendilo!!” gridò verso un altro nano accucciato per strada. “…Ma io sono Lascialo…” balbettò il nano beccandosi una saccagnata in corsa da Strangolo. Per fortuna Calcolo aveva già programmato il tutto e con l’aiuto di Legalo era riuscito ad ancorare Vagone Tiozzo a Vagone Raimondi che seguiva a breve distanza.

Ora le due carrozze proseguivano ben legate assieme lungo i binari della Express Palzola in costruzione. Se la maggior parte dei nani erano impiegati nella messa in opera della nuova ferrovia molti erano anche i nani impegnati a scortare le numerose carrozze che seguivano.

Allo scollinamento Slegalo ed Incitalo provarono a riagganciare Vagone Tiozzo a Locomotiva Vasi. Con Puzzolo, Sparala ed Eolo ad aumentarne la propulsione da dietro il riaggancio ebbe successo. Ma Cigolo col suo oliatore era sempre nei paraggi… ed un secondo “Ops” si sentì tra le carrozze di testa.

Le saccagnate di Strangolo dispensate a destra e a sinistra si unirono a quelle di Brontolo, Pestalo, Vandalo ed Ergastolo e da allora Cigolo venne anche soprannominato Bernoccolo per la gioia di tutti i nani.

I due vagoni ritornarono a sferragliare assieme alle spalle di Vasi. Su e giù veloci per strade, sentieri salite e discese fino a ritornare nel centro di Besozzo con un minimo distacco dalla Locomotiva lanciata a tutta velocità verso la dirittura d’arrivo.

Alla stazione intanto Binocolo, Tifalo e Popolo trepidavano nell’attesa intrattenuti solo dalle canzoni di Zufolo e dal panenutella di Brufolo. “Arrivano!!!” annunciò d’improvviso Eccolo. Dalla curva piombarono nella strada Locomotiva Vasi seguita a ruota da Vagone Tiozzo su cui Incitalo strepitava e si agitava come un cowboy sul suo cavallo. Ruote, bulloni, vapore ed olio schizzarono da tutte le parti in una volata epica, una di quelle imprese che solo Secolo poteva dire di aver già assistito.

CLASSIFICA:

UOMINI: 1° Marco Tiozzo (Atl. Palzola) 29’17”, 2° Antonio Vasi (Atl. Palzola) 29’20”, 3° Matteo Raimondi (Atl. Palzola) 29’28”, 4° Giuseppe Bollini (Circuito Running) 30’29”, 5° Luke Roberts 30’46”

DONNE: 1° Silvia Oggioni 30’38”, 2° Elena Begnis 33’49”, 3° Marta Dani 36’50”, 4° Cristina Guzzi 37’27”, 5° Francesca Barone 37’52”

Articoli di PlayBeppe e VareseSport. CLASSIFICA

Questo post è stato letto 7998 volte!

    Leave a Comment

    Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.