Tor des Geants 2015 – Il Giro dei Giganti

D1Il maltempo si è portato via, per la maggior parte dei concorrenti in gara, quel piccolo gancio che avrebbe chiuso l’anello completamente. Un Giro, un Tor, completo da Courmayeur a Courmayeur. Ma i Geants della Val d’Aosta, i Giganti di roccia e neve, si erano accampati in quelle terre ben prima che l’uomo potesse anche solo pensare di attraversarli di corsa. E di diritto dettarono le loro leggi fin dal principio.

Anche io ieri ho voluto solcare per un piccolo tratto le rughe di questi Geants, nel tratto da Niel al Colle della Vecchia e verso il Col Marmontana risalendo, tra nebbie e pioggia, il corso della gara. Ero alla ricerca dei due amici e colleghi Mauro Colombo ed Andrea Bruna e per trovarli ho incrociato un centinaio di volti. Qualcuno conosciuto come Nicola Settembrini e Alberto Castiglioni, molti sconosciuti. Ma ognuno con una parola, coi loro volti stanchi e felici, uomini solitari che avanzavano col permesso dei Geants… fino a che loro glielo hanno permesso.

Nella nebbia tra il Colle della Vecchia ed il Marmontana incontro Mauro ed Andrea e con loro riscendo fino a Niel inD2 una discesa resa difficile dal fango e dagli appoggi irregolari. Verso le 18.30 raggiungiamo il punto di controllo. Una pastasciutta veloce e per loro altri 14 km nella notte che li porteranno, appena dopo la mezzanotte, alla base vita di Gressoney, dopo 200 km dalla partenza. Stanno bene e sono carichi per continuare l’avventura. Ma la gara è però stata da poco sospesa per maltempo e scarsa visibilità e successivamente, alle 8 di questa mattina, definitivamente annullata congelando la classifica agli ultimi passaggi nei punti di controllo. I Geants hanno nascosto i loro colli. I Geants hanno dettato le loro leggi.

Un po di FOTO. Domani alle 17.00 le premiazioni a Courmayeur. Tutte le altre informazioni sul sito del Tor Des Geants

Questo post è stato letto 2376 volte!

    Precedente Tor des Geants 2015 - Vince Patrick Bohard Successivo Montonate - 3° Panzer Run 2015 Classifica

    Lascia un commento